11 dicembre 2011

Memorie di Adriano


Molte persone volevano sapere cosa ne pensavo io del concerto di ieri sera di Peppe Servillo ("Memorie di Adriano") con le canzoni di Celentano. Allora, è stato molto bello; però la mia natura brontolona mi impone di sottolineare le cose che non mi sono piaciute. Ho trovato fuori luogo l'amplificazione, considerato che la Cavallerizza è piccolina e considerato lo stile raffinato e ricercato del gruppo. Magari mi sbaglio ma secondo me unplugged sarebbe stato il doppio più bello. Almeno un bis acustico potevano farlo... Poi, ma è meno importante, non mi piace il fatto che il pubblico applauda alla fine di ogni assolo. E ancor meno mi piace quando, per esprimere la propria approvazione, gli spettatori dicono "huu!", o forse "whuu!". Se fossero a un concerto di classica batterebbero le mani, a un concerto di Orietta Berti direbbero "brava!" e invece sono a un concerto jazz e si sentono in dovere di dire "huu!" perché han visto che nei concerti jazz americani le persone dicono "huu!". Mi dà un po' fastidio... E poi, ultima cosa lamentosa, mi è un po' dispiaciuto che abbiano eseguito la canzone "L'ho tradita" (non so se si chiama proprio così, non la conoscevo) non con l'arrangiamento molto accattivante che da loro avevo sentito eseguire e che consisteva in un accompagnamento fatto non con gli strumenti ma con le mani degli strumentisti tamburellanti sullo strumento. L'hanno suonata con un arrangiamento bello ma meno originale. Così, comunque sono stato fortunato a essere presente.

1 commento:

djlara ha detto...

Fortunatissimo. Pensa che invece io ho visto la Claudia Mori da Fazio, a parlare di Adriano, e ho cambiato subito canale...